martedì 15 agosto 2017

Un paradiso a Sonoma Valley

La famigerata estate di San Francisco ci ha parzialmente graziati, con un mese di luglio soleggiato e dalle temperature decenti (tipo che a volte uscivo addirittura in maniche corte). Poi, puntuale come la morte, è arrivato Fogust: dall'inizio di agosto una pesante cortina di nebbia è calata sulla città, e il sole è scomparso. Per questo quando la mia amica G mi ha offerto di andarla a trovare nella casa di Kenwood che le avevano prestato dei suoi amici non ho avuto un attimo di esitazione, soprattutto dopo che mi ha detto "c'è la piscina".
Mi organizzo con l'amica A che sabato passerà a prendermi a scuola alle 12.30 e mi accompagnerà in macchina fino a Kenwood. Fine settimana con le amiche: un piano perfetto. Sabato mattina parto per la mia lezione a scuola con lo zaino pieno di vino. Durante l'intervallo A mi telefona e mi dice che sta male e non può venire a Kenwood. Chiamo G e lei mi dice che ha già fatto una spesona e ha già preparato la torta. Sentendomi in colpa, ma anche scocciatissima di dover rinunciare alla vacanzina, faccio qualche ricerca e scopro che c'è un autobus che va a Santa Rosa, dove G potrà poi venire a prendermi. Ci mette solo tre ore invece di una e mezza, ma pazienza.
Esco da scuola tutta mogia con il mio zaino pieno di vino e dico alla direttrice: "Vado a prendere l'autobus per Santa Rosa". Lei mi risponde "Vuoi un passaggio?" Io, sbalordita da tanta fortuna: "Ma come, vai a Santa Rosa?" E lei: "In realtà vado a Kenwood, che è lì vicino". E così, con una botta di culo clamorosa (a Kenwood ci saranno in tutto 200 case, non era facile trovare qualcuno che andasse a passare il fine settimana proprio lì), vengo scarrozzata fino alla casa (degli amici ricchi) di G, che mi aspetta in bikini sul vialetto. Mi tolgo il piumino e il pile ed entro in paradiso.
(Il ritorno l'ho fatto in autobus: niente male, ho letto per tre ore filate, cosa che non riesco a fare quasi mai. Appena imboccato il Golden Gate Bridge sono entrata nel nebbione.)

Il terreno intorno alla casa




La piscinetta con l'amica G che nuota
A me basterebbe questa
Una bandiera migliore


15 commenti:

  1. Piscinetta? La chiami piscinetta?! Posso venirci anch'io la prossima volta?

    E comunque, Fantozzi ha lasciato il posto a Signora Botta di Culo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente male la piscinetta, eh? Era una 25 metri.

      Elimina
  2. Dove si trovano amici così? Su Amazon?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che siano persone molto generose, oltre che, ovviamente, molto danarose. Specie rarissima, in effetti.

      Elimina
  3. Adoro quelle sedie colorate!!!

    RispondiElimina
  4. Le tue avventure migliorano sempre più! Ero pronta a un disastroso viaggio in autobus, circondata da lupi con autista impazzito che sgomma tra gli alberi per sfuggire al branco, lupi appesi ai finestrini, lupi sul cofano... Le vacanze rilassanti, a temperature umane sono le migliori.
    Mi affascinano i cambi di temperatura: via il pile, vai col costume ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ultimamente le mie avventure sono piuttosto noiose! :-D

      Elimina
  5. Quindi il segreto per farsi invitare dai ricconi è uno zaino pieno zeppo di vino? Evvai verdicchio!

    RispondiElimina
  6. Che bel posto! Mi ha colpito lo zaino pieno di vino :P
    Era da tanto che non passavo da qui, forse dai tempi del mio vecchio blog, ci tornerò più spesso.

    Un abbraccio,
    Sara Chandana

    RispondiElimina
  7. Tutto molto bello ... anche la possibilità inaspettata di poter leggere 3 ore filate (già, sono cose che non succedono così spesso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me che leggo per lavoro, poter leggere un libro che non c'entra con il lavoro è sempre un grande sollievo.

      Elimina