lunedì 30 ottobre 2017

God Bless America: Trump e i fondamentalisti cristiani/2

(2. Continua da QUI)

Cos’è la destra religiosa e qual è il suo programma
Quando si parla di destra religiosa si intende una coalizione informale riunita intorno a un nucleo di evangelicali[1] e cattolici (questi ultimi rappresentano circa il 21% degli americani e hanno votato al 52% per Trump, con una netta distinzione fra bianchi, 60%, e ispanici, 26%[2]), con l’appoggio dei più conservatori fra protestanti storici, ebrei e mormoni. Si tratta di un movimento che ha messo radici nella politica fin dagli anni Quaranta e si è solidamente organizzato a partire dagli anni Settanta, in teoria per contrastare la legalizzazione dell’aborto, ma in realtà per opporsi a una serie di sentenze della Corte Suprema[3] che revocavano l’esenzione dalle tasse di alcune scuole che discriminavano gli studenti neri.
Nel 1979 il telepredicatore della Southern Baptist Convention Jerry Falwell fondò la Moral Majority, un movimento che al suo apice raggiunse quattro milioni di membri, localizzati soprattutto negli stati meridionali della Bible Belt[4], e che svolse un ruolo fondamentale nell’elezione di Ronald Reagan. Quando sciolse il movimento, nel 1989, Falwell dichiarò che l’obiettivo era stato raggiunto: il conservatorismo religioso era definitivamente consolidato come forza politica. Due anni più tardi, dopo l’11 settembre, affermò in un’intervista con Pat Robertson che l’attentato era una meritata punizione divina “per le politiche antireligiose dell’American Civil Liberties Union, per gli abortisti, le femministe, i gay e le lesbiche e tutti quelli che vogliono secolarizzare l’America”[5].
Pat Robertson, un altro telepredicatore Southern baptist che nell’88 si era candidato alle primarie repubblicane, fondò nel 1989 la Christian Coalition of America, che si affiancò nella galassia dei movimenti ultraconservatori a due organizzazioni fondate da James Dobson, il Family Research Council (inserito nel 2010 dal Southern Poverty Law Center nella lista degli hate groups per le sue posizioni che collegano l’omosessualità alla pedofilia) e Focus on the Family. Da quest’ultima organizzazione nacque Love Won Out, programma di “terapia di conversione” inteso a riportare gli omosessuali sulla retta via dell’eterosessualità: un metodo coercitivo condannato da tutte le organizzazioni mediche e psichiatriche e sostenuto, fra gli altri, dal vicepresidente Mike Pence[6].
La forza politica della destra religiosa è dovuta alla grande capacità di mobilitazione del suo elettorato, che si presenta compatto alle urne in un paese dove l’affluenza è sempre piuttosto bassa. Dopo quella di Reagan, anche la vittoria di George W. Bush dovette molto al sostegno degli evangelicali bianchi, che nel 2000 votarono per lui al 68% e nel 2004 al 78%.[7]



2.Continua





[1] Questo è il termine che più correttamente traduce l’inglese evangelical, poiché in italiano “evangelico” viene inteso come sinonimo di protestante in senso generale. Con l’espressione “movimento evangelicale” ci si riferisce ad alcune chiese specifiche – in particolare a quelle sorte dai vari movimenti di Risveglio dell’Ottocento e del Novecento – ma anche a un fenomeno teologico e sociologico trasversale a tutte le denominazioni protestanti storiche.
[4] Letteralmente la “Cintura della Bibbia”, espressione con cui si indica l’area che comprende all’incirca i territori di Tennessee, Virginia, Georgia, Texas, Arkansas, Alabama, in cui i cristiani evangelicali hanno le loro roccaforti.

11 commenti:

  1. Se gli attentati dell'11 settembre sono una punizione divina, rispetto a Zeus, che usava fulmini e saette, con il Boeing 767 siamo di fronte ad una divinità ipertecnologica. Almeno lui è andato avanti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le armi si modernizzano ma le menti no: un grande problema dei nostri tempi.

      Elimina
  2. Quell'area definita "Bible Belt" rende bene l'idea (ahimè) di come è stato l'esito delle votazioni elettorali in quegli stati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei andare a esplorarlo per le mie ricerche sulle religioni americane...

      Elimina
    2. Se lo fai, la cosa più difficile sarà il titolo è la copertina del prossimo libro, perché l'indagine sarà come sempre dettagliata e puntuale. A proposito: come ti è sembrato l'articolo che ti ho mandato? (Se preferisci puoi rispondere in privato)

      Elimina
    3. Fatto! Comunque il prossimo libro potrebbe anche essere un romanzo...

      Elimina
    4. Eh, ma i tempi saranno lunghi.

      Elimina
  3. Mi sembra che gli evangelical siano attivi anche da noi, come non lo sono stati mai(incontri, presentazioni), stanno attraendo parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché non ci bastavano i ciellini. Volevamo qualcosa di peggio.

      Elimina