mercoledì 8 novembre 2017

Una lettera a Tom Waits



CARO TOM
(You can’t be lovin’ someone who is savage and cruel)

Malgrado le ripetute insistenze della sua amica Gloria, Marta esitava a scrivere quella lettera a Tom. Certi ricordi, le diceva, era meglio lasciarli sepolti nel passato. Ma quel ricordo era duro a morire, e poi, secondo Gloria, se Tom avesse letto la sua lettera magari ci avrebbe scritto sopra una canzone, d’altronde era una storia d’amore malinconica come quelle che piacevano a lui. E così finalmente Marta si era decisa. In realtà non era sicura che fosse davvero una storia d’amore, ma questo magari lo avrebbe giudicato Tom.
Ecco qui la lettera. 


Caro Tom,
la prima volta che ho sentito la tua musica ero al ristorante sulla spiaggia. Il ristorante perfetto. Penombra, candele. La padrona indossava una camicia di seta bianca e si ricordava di me anche se mi vedeva una volta all’anno. Quando assaggiavo una pietanza chiudevo gli occhi per lasciar fuori il resto del mondo. In quel ristorante ci andavo con Gio, il mio fidanzato, e il giorno designato digiunavamo fin dalla mattina per essere sicuri di non saltare neanche una portata. Quella sera nel ristorante perfetto c’era la tua musica. In sottofondo, certo, ma non offenderti: era lei la protagonista della serata. Indagai con la signora dalla camicia di seta, e lei mi mostrò il cd di The Heart of Saturday Night, quello con la copertina in cui, con la cravatta e la sigaretta in bocca, fingi di non notare la ragazza dal vestito color borgogna che ti guarda in modo inequivocabile. Fu amore al primo ascolto.
Qualche anno dopo lasciai Gio. Con lui lasciai i miei vent’anni, la città che amavo, i giorni delle rose e delle osterie, e sull’autostrada piatta e diritta che mi portava via da Bologna, nella malinconia di un tramonto nebbioso della bassa padana, scoppiai finalmente a piangere.
«Perché cavolo piangi?» disse il mio nuovo fidanzato, che guidava la macchina del trasloco. Smisi subito. In effetti, pensai, non c’era motivo di essere triste.
Andai a vivere in riva a un lago, un posto di piogge primaverili e temporali estivi. Ero sicura di poter convincere Alex a fidarsi di me. Ma non si può salvare un amore sbagliato, e così io e Alex non facevamo altro che litigare, lasciarci e riprenderci, e ogni volta giuravo che era l’ultima.
Era il 1999, l’anno in cui sei venuto in Italia, ricordi? Tre sere d’estate a Firenze. Appena l’ho saputo ho cominciato a sognare il momento in cui finalmente ti avrei visto sul palco.
In quel periodo non stavo con Alex, ero in uno di quei momenti di tregua in cui pensavo solo a rimettermi con lui. Lo chiamai per chiedergli se voleva venire al concerto, ma lui rifiutò. Allora chiamai Gio. Eravamo rimasti amici, di nascosto da Alex che si strozzava dalla gelosia ogni volta che lo sentiva nominare. Gio rispose: «Ci penso io», e dopo un’ora mi richiamò dicendo che aveva comprato due degli ultimi biglietti rimasti per il tuo concerto di domenica 25 luglio.
Il piano era questo: sarei partita al mattino con il treno per Milano, e da lì avrei preso la coincidenza per Bologna (e comunque, a proposito di Bologna: se un giorno ti capiterà di tornare in Italia, vai a visitarla, sono sicura che ti piacerà. Siediti in una vecchia osteria e ordina un litro di rosso della casa, e magari qualcuno a un tavolo vicino dirà «Mo vè, c’è Tom Waits», e alzerà il bicchiere per brindare alla tua salute), dove avrei incontrato Gio che mi avrebbe portata a Firenze in macchina.
Un paio di giorni prima, però, la tregua finì e mi rimisi con Alex. Ci incontrammo a una festa dove ovviamente speravo di incontrarlo, e poi il magnetismo dei poli opposti fece il suo dovere. Tornammo a casa insieme, e mentre un temporale estivo creava un'ambientazione adeguatamente drammatica – in quel momento riuscii a pensare che sembrava una pessima sceneggiatura, a dimostrazione del fatto che mi restava ancora un barlume di lucidità – Alex mi rivolse la domanda che gli premeva di più: «Ci vai lo stesso al concerto di Tom Waits?»
Non lo avevo previsto. Non vedevo cosa c’entrasse il tuo concerto. Ingenua. «Be’, certo che ci vado» risposi.
D’un tratto il fronte temporalesco si trasferì all’interno del piccolo appartamento, e cupi nuvoloni di collera oscurarono lo sguardo di Alex. Ci eravamo appena rimessi insieme e ora io stavo per andarmene a un concerto, non solo senza di lui, ma addirittura con il mio ex fidanzato. Era chiaro che non lo amavo, che sputavo sui suoi sentimenti, che non ero degna della sua fiducia. Un lampo squarciò di nuovo lo strappo appena ricucito e la traditrice venne scacciata. La nostra storia era già finita un’altra volta.
Con il passare delle ore la mia certezza già precaria si andò sgretolando. Da una parte c’eri tu e il sogno di vederti cantare, dall’altro c’era l’angoscia per aver sprecato l’ultima possibilità di guadagnarmi l’amore di Alex. Era una decisione tormentosa, e se c’è una cosa che odio è prendere decisioni. Le lascio per l’ultimo istante, aspettando che arrivi un segno del destino o che qualcun altro decida per me. Nei casi peggiori, allo scadere del tempo il pendolo dell’indecisione si ferma al vertice della sua traiettoria e non mi lascia altra scelta che obbedirgli, pur sapendo che pochi istanti dopo avrei potuto scegliere la cosa opposta. La mia mente continuò a oscillare per tutta la notte, finché, all’alba di domenica 25 luglio, mi alzai e mi preparai a partire.
Ostacolata dal peso del rimorso, ogni movimento mi costava fatica. Mi sembrava di muovermi dentro una vasca piena di fango. Riuscii ad arrivare fino alla stazione di Milano prima di rimanere bloccata nel mio stesso pantano. Mi trascinai verso un telefono, uno di quelli pubblici che oggi non esistono più. Composi il suo numero.
«Pronto.»
«Ciao, sono io.»
«Cosa vuoi?» La sua voce era un blocco di ghiaccio tagliato con l’accetta.
«Be’, ecco, sono a Milano, e pensavo che in effetti hai ragione tu, non è giusto che io vada al concerto.»
«L’hai capito un po’ tardi, no?»
«Sì, hai ragione, però senti, pensavo… e se non ci andassi?»
«Ci sei già andata, mi sembra.»
«No, no, ho cambiato idea, posso tornare a casa adesso e stare con te. Facciamo come se non fosse successo niente. Ho capito di avere sbagliato e torno da te.» Non ero molto soddisfatta del mio tono servile, ma in quel momento ero mossa da uno zelo missionario che aveva la precedenza su tutto il resto.
«Fai come ti pare.»
«Ecco, sì, però ci sarebbe una cosa… insomma, be’… Gio ha comprato i biglietti… mi sembra brutto telefonargli così e dirgli che non vado… pensavo che magari potrei andare a Bologna e dirglielo di persona e poi tornare a casa. Ho guardato l’orario, ce la faccio benissimo. Posso arrivare in serata, così magari andiamo a mangiarci una pizza insieme?»
«Va bene.»
«Allora arrivo alle nove e venti, vieni a prendermi in stazione?»
«Okay.»
Gio non approvò la mia decisione. A dir poco. Provò a farmi cambiare idea, ma io ero inflessibile, tutta compresa del coraggio del mio sacrificio. Gio non si lasciò commuovere. Disse che lui al concerto da solo non ci andava, e che quindi dovevo restituirgli non solo i soldi del mio biglietto, ma anche quelli del suo. Già che c’ero gli offrii anche il pranzo, per il disturbo, e poi, purificata dalla colpa e alleggerita nel portafoglio, ripresi il treno per tornare indietro.
L’odore familiare del lago alleviò appena il senso di fastidio lasciatomi addosso da una giornata in treno. Uscii emozionata dalla piccola stazione e lo vidi lì fuori, appoggiato alla macchina ad aspettarmi. Non sorrideva, ma quella non era una cosa insolita. Aveva mal di testa, si limitò a dire.
Alle nove e trentacinque, mentre tu uscivi sul palco di Firenze, io e Alex ci mettevamo a tavola. La pizzeria era brutta, un salone anonimo con le luci fluorescenti. La pizza era cattiva, mi sembra, ma non sono sicura, visto che la mia attenzione era rivolta solo ad Alex, che non sorrideva e non parlava. Se ne stava lì a masticare con aria noncurante. Certe volte, davanti a lui, provavo solo incredulità.
Mentre il boato degli applausi si placava e tu cominciavi il concerto con una delle mie canzoni preferite, quella che apre Daunbailò con New Orleans in bianco e nero ed Edna Million con un vestito da sballo, io azzardai: «Allora?»
«Allora cosa?»
«Be’, sono tornata, hai visto?»
Ghigno a mezza faccia. «Sì, ho visto.»
Il palco era ingombro di strumenti, tu avevi la bombetta e il tuo solito completo da poeta sgualcito.
«Sono tornata per te.»
«Non me ne frega un cazzo. Potevi anche restare dov’eri, tanto con te non ci torno.»
Poi si alzò e uscì dalla pizzeria, lasciandomi il conto da pagare.
Intanto tu, a Firenze, lanciavi manciate di coriandoli sul pubblico. Poi prendevi il megafono e cantavi il dolce Gesù di cioccolata. Sono ricordi che ho rubato, Tom, come in quella tua canzone. Eppure anch’io sono innocente, quando sogno.
E chissà, forse un giorno riuscirò a vederti.

                                                                                                          Tua,
                                                                                                         Marta

22 commenti:

  1. Bé, cara, mi pare una lettera perfetta. Bisogna che tu la spedisca.

    RispondiElimina
  2. Mai rinunciare a Tom per un Alex qualsiasi, soprattutto se Alex è un pistoletta dal grilletto facile

    RispondiElimina
  3. Bellissima, ho gli occhi lucidi (e nn mi commuovo spesso leggendo). Bellissima, ti prego spediscigliela, anche solo col pensiero ;-) Sei brava, sai Silvia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara, detto da te è un complimento ancora più prezioso.
      Ce l'ho nel cassetto da anni, ma forse adesso che ho trovato il coraggio di pubblicarla troverò anche il coraggio di spedirla a Tom :-)

      Elimina
    2. Ah, e grazie di avermi fatto scoprire Quentin Clewes, che ho trovato sul tuo blog <3

      Elimina
  4. Leggi assolutamente Quentin Clewes, io ho faticato a trovare i suoi racconti ma sono moltoooo belli; se nn riesci a trovarli magari troveremo l'occasione futura di incontrarci ;-)

    RispondiElimina
  5. È una bellissima lettera! Quella giornata dev'essere stata molto intensa ed emotivamente impegnativa per Marta. Io non avrei rinunciato a concerto, ma è andata bene per lei essersi sganciata da due soggetti del genere, fortunatissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che Marta ha imparato la lezione :-)

      Elimina
  6. Complimenti, Silvia, se non diventerà canzone, può diventare un racconto o,addirittura un corto!

    RispondiElimina
  7. Bello intenso, si sente che Marta lo teneva dentro da un po', poi è uscito perfettamente ... dai jean di Bruce al cappello di Tom ;)

    RispondiElimina
  8. Ah i rimpianti... sarebbe il caso di evitare di averne due, aiutiamo "Marta" a realizzare almeno un sogno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto dovrei cominciare a tradurle la lettera, poi potrei tentare di consegnarla, e poi si vedrà...

      Elimina
  9. Non bisogna proprio rinunciare. Va spedita al mittente, oramai è on line. Non vale che lo sappiano tutti tranne il destinatario ;)
    Ah, gli amori ti graziano e ti giustiziano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti hai ragione, ormai lo devo a Tom.
      Quanto agli amori... quelli così li chiamerei piuttosto malattie.

      Elimina
  10. Beh.. Silvia... io c'ero in quegli anni.. il lago.. il paesello... le sue atmosfere.. eravamo ancora dei ragazzi e delle ragazze che sognavamo tanto.. bei tempi. Sono felice di leggerti. Complimenti Silvia. Tu emozioni! MARCO

    RispondiElimina